PUBBLICAZIONI

RICOSTRUZIONE POST-SISMA IN CENTRO ITALIA

22/12/2017

Una ripresa da drone che documenta la ricostruzione in corso in Centro Italia.

Ci troviamo ad Accumoli e Amatrice, dove la società Eulero Engineering ha curato la progettazione esecutiva e la direzione lavori per l’installazione dei moduli abitativi d’emergenza (Sae) e – ad Amatrice – la costruzione di due centri commerciali che con una superficie complessiva di circa 7.000 mq accolgono 80 attività commerciali della zona.

Guarda il video

Oltre agli interventi riguardanti l’installazione di moduli abitativi – nelle tre diverse metrature di 40, 60 e 80 mq – Eulero Engineering si è occupata di tutte le nuove opere di urbanizzazione (strade, servizi, reti, impianti fognari e di depurazione) necessarie per la completa funzionalità dei nuovi centri abitativi.

Lo studio progettuale, condotto dalla fase di rilievo, eseguita anche con l’uso di un drone professionale, alle indagini di natura geologica e idrogelogica, ha comportato anche la sistemazione dei versanti mediante paratie, terre armate, opere di contenimento di alvei, opere di drenaggio e la progettazione dei raccordi con la viabilità esistente.

In circa 9 mesi sono stati progettati oltre 100 nuovi impianti urbani che hanno riportato le popolazioni colpite dal sisma dell’agosto 2016 nei luoghi di origine, a breve distanza dai borghi danneggiati dal terremoto. Una scelta che ha evitato lo spopolamento definitivo dei comuni e delle piccole frazioni del cratere dando l’opportunità agli abitanti di riprendere le attività produttive che svolgevano prima dell’agosto 2016 anche grazie anche all’apertura dei nuovi centri commerciali, completamente finanziati dalle regioni, funzionanti già dall’agosto 2017.

FONTE: http://www.ioarch.it/ricostruzione_post_sisma_in_centro_italia-2182-0.html

 

 

separatore

 

IN ACCIAIO LE CASE PER L’EMERGENZA POST SISMA (SAE)

I PRIMI 12 MODULI AD AMATRICE

MANDATARIA: CNS – Consorzio Nazionale Servizi
PROGETTO ESECUTIVO: Eulero Engineering
IMMAGINI: le immagini sono relative al prototipo di modulo abitativo già realizzato e presentato alle autorità
Ad Amatrice sono in fase avanzata i lavori strutturali delle prime SAE, i moduli abitativi che ospiteranno le famiglie colpite dai terremoti di agosto ed ottobre. Gli elementi portanti sono interamente in acciaio zincato: profili aperti sagomati a freddo, scatolari e profili angolari. I pilastri interni sono trattati con vernice intumescente REI 30, i tamponamenti sono in cartongesso e pannelli lignei per gli interni, in pannelli sandwich in acciaio l’involucro esterno. La scelta dell’acciaio per le soluzioni abitative temporanee è duplice: in primis la scocca portante è preassemblata in moduli standard, ripiegabili per un agevole trasporto in situ e apribili in cantiere con operazioni di montaggio ridotte al minimo, in secondo luogo l’intera ossatura è riciclabile al 100% una volta terminata la propria funzione.
separatore

Anpel per un complesso residenziale a Roma

Complesso residenziale

Per la costruzione di un complesso residenziale di pregio nel quartiere Trigoria di Roma, sono stati utilizzati i prodotti della famiglia Lecablocco di ANPEL (Associazione Nazionale Produttori Elementi Leca). Il progetto riguarda in particolare l’attuazione del primo stralcio del piano urbanistico denominato “Giardini di Trigoria”che nella sua totalità prevede la realizzazione di due comparti a destinazione residenziale. Progettato dall’architetto Riccardo Armezzani, il complesso residenziale “Giardini di Trigoria” è stato ideato prestando notevole attenzione all’equilibrio tra città e natura. Gli edifici sono valorizzati dalla presenza di corti aperte, giardini e ampi spazi verdi curati che contribuiscono a disegnare il profilo di un quartiere capace di garantire un’ottima qualità della vita.

Complesso residenziale "Giardini di Trigoria" a Roma
Complesso residenziale “Giardini di Trigoria” a Roma

Il complesso si distingue per le linee moderne ed eleganti dell’esterno, e gli spazi luminosi e innovativi dell’interno. Gli appartamenti, di varie dimensioni, presentano i migliori comfort e soluzioni a basso impatto ambientale, rientrando in classe energetica A. Le strutture in elevazione, a partire dal primo impalcato fino alle coperture, sono di tipo misto: colonne in acciaio con profilo HE e setti in cemento armato esclusivamente per il vano scale, gli ascensori e gli angoli esterni delle sagome. Gli elementi orizzontali strutturali sono costituiti da solette piene in calcestruzzo armato, con ribassamenti in corrispondenza dei balconi e di alcuni bagni, e parapetti dei balconi curvilinei di tipo prefabbricato in cemento armato con ringhiere e vetri di completamento. Le pareti di tamponamento sia esterne sia interne sono in Lecablocco, blocchi in calcestruzzo vibrocompresso a base di argilla espansa Leca. I blocchi ANPEL sono stati scelti dal progettista in quanto i valori di trasmittanza termica e di abbattimento acustico certificati di questi elementi costruttivi permettono il soddisfacimento dei requisiti prestazionali imposti dalla normativa vigente. Per le pareti perimetrali esterne è stato scelto il Lecablocco Bioclima Supertermico 36 da tamponamento, blocco multistrato in calcestruzzo di argilla espansa Leca e pannello isolante in polistirene espanso con grafite di spessore 10 cm, elemento costruttivo di spessore nominale 36 cm con il quale si realizza una parte intonacata con valore della trasmittanza termica di 0,29 W/m2K.

ANPEL

Le pareti esterne sono rivestite internamente con pannelli prefiniti in cartongesso, quindi le superfici così realizzate sono state rasate e tinteggiate. Esternamente la muratura di tamponamento è stata finita con un rivestimento di grès porcellanato: al piano terra di colore grigio, ai piani superiori di colore chiaro (tendente al bianco) con alcuni intarsi color legno. Internamente, le murature divisorie sono in Lecablocco Fonoisolante25x20x25, che permette di raggiungere alte performance acustiche con una semplice parete monostrato (Rw=56,3 dB con intonaci tradizionali su entrambi i lati). Anche in questo caso, le murature sono state rivestite con pannelli prefiniti in cartongesso, rasati e tinteggiati, per uno spessore complessivo di circa 30 cm. Oltre alle prestazioni offerte dai Lecablocco, sono stati previsti altri accorgimenti progettuali per contribuire al raggiungimento degli elevati valori di isolamento acustico e termico voluti dalla committenza. Per esempio in tema di isolamento acustico, la stratigrafia orizzontale dei solai di separazione tra gli alloggi è stata studiata appositamente con tappeti anticalpestio e pannelli isolanti posti nei cavedi dei controsoffitti. Sul fronte dell’isolamento termico, invece, particolare attenzione è stata riservata alla soluzione dei ponti termici tra pilastri, solai e murature, che sono stati risolti con specifici materiali isolanti.

Complesso residenziale "Giardini di Trigoria" a Roma
Complesso residenziale “Giardini di Trigoria” a Roma

Scheda progetto
Progetto
: Complesso residenziale “Giardini di Trigoria” a Roma
Promotore: Igea Prelios sgr
Progetto architettonico: arch. Riccardo Armezzani
Direzioni lavori e consulenza alla progettazione esecutiva: Eulero Engineering
Impresa esecutrice: Cogeco 7 srl

FONTE: https://www.arketipomagazine.it/anpel-per-un-complesso-residenziale-a-roma/